Advertisement

“Via dalla scuola, il suo abbigliamento distrae gli altri ragazzi”: il dirigente scolastico espelle una 13enne, suo padre furioso la difende

Condividi:
Advertisement

La scuola espelle una 13enne sostenendo che l’abbigliamento dell’adolescente distraeva i suoi compagni, anche se il suo look non aveva nulla di inappropriato visti i 32 gradi Celsius. Il caso datato 2017, ha visto per protagonista Demetra Alarcón che all’epoca frequentava la Raymond J. Fisher High School nella città di Los Gatos, in California. La sua tuta corta blu indossata per frequentare le lezioni il 28 agosto è stato bacchettato dall’insegnante perché troppo corta e distraeva i ragazzini. Demetra è stata costretta a chiamare suo padre, Tony, che le ha portato un cambio: dei pantaloncini di jeans e una canotta.

“Ho chiesto a Demetra di chinarsi e toccarsi le punte dei piedi, proprio di fronte al dirigente scolastico […] E ho detto: ‘Non c’è niente che esce fuori. Non c’è niente di inappropriato. Non capisco questa regola del codice di abbigliamento’[…]. Ma il dirigente scolastico ha semplicemente detto che il suo vestito non era appropriato. Ha detto che i vestiti distraevano i bambini”- questo quanto raccontato da Tony Alarcón a Today.

Scuola espelle una 13enne 2

Leggi anche: “Cerca di sedurre mio marito con i suoi perizomi appesi fuori ad asciugare”: una donna denuncia la sua vicina di casa

A causa del codice di abbigliamento, questo padre ha dovuto invitare sua figlia a coprirsi quando c’erano più di 32 gradi Celsius, un caso che ai suoi occhi è apparso non solo discriminatorio ma anche sessista. Perché mentre i ragazzi possono evitare il caldo indossando pantaloncini e vestiti più corti, le ragazze sono costrette a indossare abiti lunghi. Dopo quell’episodio, Demetra era rimasta profondamente imbarazzata e sconvolta così Tony ha deciso di avviare una campagna per cambiare il dress code della scuola.

Scuola espelle una 13enne per il suo abbigliamento considerato inappropriato

“La portano fuori classe davanti a tutti. È solo una ragazza, ha solo 13 anni. Non è un sex symbol. Vuole solo stare comoda e frequentare le lezioni e noi non le diamo questa opportunità” – ha protestato suo padre. Tony Alarcón ha espresso preoccupazione per ciò che hanno detto l’insegnante e l’amministrazione scolastica, poiché dire alle ragazze che i loro vestiti distraggono i ragazzi potrebbe ferirle emotivamente ed a lungo termine.

Scuola espelle una 13enne

Leggi anche: “Ho avuto 500 appuntamenti con uomini bassi, vecchi e grassi”, una donna di 62 anni delusa dalle app di incontri le mette sotto accusa

Questo padre ha chiamato alla mobilitazione i genitori, i quali dovrebbero decidere se i vestiti dei loro figli sono appropriati o meno per la scuola invitandoli a contestare il codice di abbigliamento scolastico che vieta pantaloncini con cavallo inferiore a 10 centimetri ma anche top senza spalline e canotte. Tony ha analizzato il codice confrontandolo con quello dello stato della California, che non menziona i cavalli, le bretelle o le canottiere.

“La Fisher ha un codice di abbigliamento molto rigido. La maggior parte dell’abbigliamento menzionato è abbigliamento femminile, come camicette senza maniche e spalline sottili. Devi difendere ciò che è corretto ed è quello che sto facendo” – le parole di Tony Alarcón raccolte dalla CBS News. Dopo l’episodio, tutte le richieste di Tony e degli altri delegati sono state inoltrate al Sovrintendente del Distretto Scolastico Unificato di Los Gatos, Diana G. Abbati, che ha spiegato che “un abbigliamento ed un’acconciatura adeguati contribuiscono ad un ambiente di apprendimento produttivo”, schierandosi dalla parte della scuola di Demetra. In seguito, la Raymond J. Fisher High School ha creato una commissione per rivedere il codice di abbigliamento dell’istituto scolastico.