Quattro bulli insultano e sputano in faccia ad una bimba di 8 anni perché ha perso i capelli per la chemioterapia: i genitori denunciano l’accaduto sui social

Condividi:
Advertisement

Quattro bulli, di età compresa tra i 16 ed i 17 anni, hanno preso di mira una bimba di 8 anni, malata di cancro, che a causa della chemioterapia ha i capelli rasati. Questa brutta pagina di bullismo si è registrata a Surrey, nel Regno Unito, dove i quattro ragazzi hanno sputato in faccia ad una piccola malata di cancro, schernendola ed insultandola pesantemente per il suo aspetto. Dopo lo spiacevole episodio la polizia locale si è attivata per individuare i quattro minori, che si sono resi responsabili dell’accaduto andato in scena a Thorpe Park.

Leggi anche: Una bambina non viene invitata alle feste dai suoi compagni di classe perché: “è troppo grassa, troppo brutta e troppo povera”

La polizia del Surrey ha diffuso una nota stampa in cui si descrivono i quattro bulli, soffermandosi soprattutto sulla descrizione del ragazzo che ha sputato in faccia alla bambina. Dal racconto fatto dalla famiglia della ragazzina, loro figlia si trovava in fila agli scivoli d’acqua quando è stata presa di mira dai quattro bulli a causa del suo aspetto: la bimba di 8 anni è sotto chemioterapia per questo porta i capelli rasati.

Bimba di 8 anni perso capelli chemioterapia
Immagine di repertorio

Un gruppo di quattro bulli prende di mira una bambina malata di cancro

“Siamo convinti che sia successo perché i suoi capelli, che sono stati rasati a causa del trattamento per il cancro che sta ricevendo, l’hanno fatta diventare un bersaglio” – hanno dichiarato i genitori della piccola. Queste parole dimostrano che non si tratta del primo episodio di discriminazioni e di bullismo nei confronti della bimba di 8 anni malata di cancro.

Gli agenti locali hanno lanciato un appello a tutti i visitatori del parco a tema, che hanno assistito al fatto, invitandoli a contattarli, infatti hanno invitato chi si trovava a Thorpe Park domenica 6 giugno, tra le 18:00 e le 19:00, a farsi avanti per fornire testimonianze. Ricostruendo l’episodio la polizia di Surrey ha fatto sapere nel suo comunicato che l’aggressione si è verificata quando la famiglia della ragazzina, formata da quattro persone, stava passando davanti al banco informazioni sugli scivoli d’acqua mentre usciva dal parco. Qui il gruppo dei quattro bulli in fila sulle scale per il loro turno ad uno scivolo d’acqua ha iniziato a sputare verso di loro.

Leggi anche: Giovane di genere non binario denuncia il comportamento del parrucchiere che rifiuta di tagliarle i capelli in quanto donna