Dopo il parto decide di diventare un uomo: “Mio figlio mi chiama ancora mamma, non me la sento di togliergli anche questo”

Condividi:
Advertisement

Questa è la storia di un giovane transgender italiano, Andrea Giovanni, che decide di diventare un uomo dopo il parto, un cambiamento che ha sconvolto la sua esistenza in modo radicale.

Dopo aver partorito suo figlio Brian, che oggi ha 11 anni, ha finalmente maturato la decisione che avrebbe fatto la transizione di genere per passare da femmina a maschio. Così ha assecondato la sua indole, tenuta nascosta a lungo, come ha raccontato il giovane transgender, confidando che all’età di tre anni ha cominciato a sentire che il suo corpo da bambina lo stava imprigionando.

Decide di diventare uomo dopo il parto

Leggi anche: Un giovane insoddisfatto del suo viso si sottopone a 9 interventi chirurgici: “Mi sento finalmente bello, sono contento del risultato”

La sua fisicità ed il suo genere non corrispondevano alla sua personalità per questo decide di diventare un uomo. Andrea nato donna ha sempre voluto vivere da uomo, ma per diversi motivi ha dovuto  reprimere ciò che sentiva. Ed infatti Andrea ha avuto in passato un compagno con il quale ha avuto Brian, poi ha perso un secondo bambino durante la gravidanza.

Decide di diventare un uomo dopo il parto

Prima della transizione è stata una mamma amorevole ed attenta, poi ha acquisito maggiore consapevolezza di sé e quando suo figlio ha iniziato a frequentare le scuole elementari, si è deciso ad affrontare il suo percorso di transizione di genere per diventare un uomo.

Decide di diventare uomo dopo parto

Advertisement

Leggi anche: Una matrigna pretende che il fidanzato metta in adozione la figlia di 4 anni per ottenere la sua piena attenzione: il web indignato la critica

“Non è stato tanto un discorso che ha riguardato gli adulti, piuttosto i bambini, che magari gli chiedevano ‘Come mai tua mamma ha la barba?’, in fondo quando è cominciato tutto mio figlio faceva la prima elementare. Adesso invece è un pitbull, mi difende e mi protegge. Mi chiama al maschile quando siamo fuori, ma in casa mi chiama ancora mamma, non me la sono sentita di togliergli anche questo” – ha raccontato il giovane transgender che decide di diventare un uomo dopo il parto.