Una matrigna pretende che il fidanzato metta in adozione la figlia di 4 anni per ottenere la sua piena attenzione: il web indignato la critica

Condividi:

Una donna pretende che il fidanzato metta in adozione la figlia di 4 anni e condivide la sua posizione con gli utenti del web. Infatti questa “matrigna” si è rivolta ai social media per lamentarsi della sua figliastra: una bambina di 4 anni a cui è morta la madre. La piccola è molto legata a suo padre da quando ha perso la madre, ed il loro legame profondo mette non solo a disagio la fidanzata ma la innervosisce molto.

Leggi anche: Un padre cresce da solo il figlio che la moglie non ha voluto: “Non ha danneggiato la mia giovinezza, anzi l’ha migliorata”

Pretende che il fidanzato metta in adozione la figlia

La donna ha anche detto di voler convincere il suo futuro marito, di cui è incinta, a “sbarazzarsi” di sua figlia, infatti pretende che il fidanzato metta in adozione la piccola oppure che la mandi a vivere con i nonni. In pratica, la futura matrigna non vuole occuparsi della piccola e non vuole che la sua presenza interferisca con il suo rapporto di coppia.

“Non tratterò mai la bambina come se fosse mia figlia, ad essere onesta, mi rende nervosa! Non so come affrontare la situazione, ma devo assolutamente trovare un modo per convincere il mio ragazzo a liberarsene” – ha scritto la donna sui social.

questa donna vuole suo fidanzato ceda in adozione sua figlia di 4 anni
immagine di repertorio

Leggi anche: Una mamma decide di dare alla luce il suo bambino sapendo che sarebbe nato senza gambe e un braccio: “Per me è perfetto”

Un post che ha indignato molti internauti che si sono detti scioccati dalle sue pretese, etichettandola come la matrigna cattiva delle favole, ed accusandola di essere una persona egoista perché pensa solo a se stessa. Infatti molti le hanno dato della persona crudele ed insensibile, soprattutto perché lei ha ribadito che ha paura che il suo ragazzo possa smettere di rivolgere le sue attenzione a lei ed al bambino che aspetta a causa proprio di sua figlia.