Advertisement

L’influencer che aveva sposato se stessa con un matrimonio in chiesa, dopo pochi mesi chiede il divorzio: “Sono innamorata di un’altra persona”

Condividi:
Advertisement

Con grande entusiasmo solo pochi mesi fa, l’influencer brasiliana Cris Galera aveva annunciato sui social la sua assurda cerimonia di nozze: aveva sposato se stessa in chiesa ed ora si trova ad annunciare il suo divorzio, sempre da se stessa. Una vicenda assurda che ha fatto grande scalpore viaggiando veloce in rete dopo che la nota influencer ha fatto sapere ai suoi seguaci di aver abbracciato la sologamia, anche se in Brasile questa pratica non è legalizzata.

Leggi anche: “Denti di scoiattolo” la nuova moda che impazza su TikTok: la pericolosa mania di ingrandire gli incisivi per posizionare dei piccoli gioielli divide il web

Con il termine sologamia si fa riferimento ad una tendenza che sta prendendo sempre più piede e che consiste neò sposarsi con se stessi. Questo movimento si sta diffondendo soprattutto nei territori anglosassoni, come riferito dai media inglesi, che hanno riferito che sempre più donne Millennial stanno abbracciando questa pratica, convinte che la propria felicità non dipenda dagli altri ma da se stesse.

Aveva sposato persona

Aveva sposato se stessa ma dopo pochi mesi chiede il divorzio

Un modo di pensare abbracciato da Cris Galera che ha deciso di unirsi in matrimonio in chiesa con se stessa. L’inluencer aveva sposato se stessa da convinta sostenitrice del self love. Ma a distanza di tre mesi dalle nozze organizzate con cura, con tanto di abito da sposa mozzafiato e servizio fotografico tradizionale, ha comunicato di essersi innamorata: la storia d’amore dell’influencer brasiliana con se stessa non è durata molto.

Leggi anche: Prende i soldi e scappa: una colf riceve uno stipendio da 225mila euro, accreditatole per sbaglio, e fugge per non restituire il denaro

La 33enne a distanza di poco tempo ha nuovamente fatto parlare di sé, annunciando di aver deciso di chiedersi il divorzio perché si è innamorata di un’altra persona: si è così pentita della scelta di diventare interprete del movimento che promuove la propria felicità non considerandola correlata e dipendente dagli altri. La sologamia sostiene infatti che la migliore compagnia è quella con se stessi, non avendo necessità dell’intimità interpersonale.