Advertisement

“I bambini non portano la felicità, il mio mi ha portato alla bancarotta”, la tesi di una scrittrice che fa discutere il web

Advertisement

Ha destato scalpore la presa di posizione di Corinne Maier, scrittrice, psicanalista ed economista francese. I bambini non portano la felicità, ha sostenuto la scrittrice in una intervista particolare proprio sul tema dell’infanzia.

Spesso, è il parere della Maier, avere figli e crescerli,  è associato al concetto di felicità e realizzazione. Ma, a quanto pare, le cose non starebbero proprio così. Creò un vero e proprio caso un suo libro, all’inizio degli anni duemila, intitolato “Bambini, no grazie”. Quali sono le ragioni che spingono ad una presa di posizione come questa?

Leggi anche: I bambini non vanno obbligati a baciare ed abbracciare qualcuno quando non vogliono

Corinne Maier

Perché i bambini non sono sinonimo di felicità?

“Un bambino è considerato una garanzia di felicità, sviluppo personale e persino status sociale”, dice la scrittrice  nell’intervista alla BBC. Per questo coloro che non vogliono avere figli, che rifiutano il legame tra bambino e felicità sono visti come egoisti, persone diverse. “Sentirsi appagati dalla maternità (o paternità) ora è quasi obbligatorio”, dice Corinne Maier nel suo intervento alla BBC. “Nella mia esperienza, la realtà è molto diversa: crescere un figlio è l’1% di felicità e il 99% di preoccupazione“.

Questa 57enne scrittrice di origine francese che vive a Ginevra, nel suo ragionamento tenta quindi di smontare l’equazione figli uguale felicità. Facendo leva anche sui suoi studi economici associa la scelta di avere figli a quella di costo e di grandi responsabilità. Se nelle epoche passate i figli erano una sorta di garanzia per la vecchiaia, con l’avanzare della modernità questo concetto non è più valido.

Leggi anche: Non esistono bambini difficili, ma genitori che non sanno parlare ai propri figli

L’autrice del best sellers “No Kid” aggiunge: ” Se non avessi avuto dei figli, sarei stata libera di girare il mondo con i soldi guadagnati dai miei libri. Invece sono costretta a rimanermene a casa, ad alzarmi alle 7 del mattino, a cucinare per tutti e a fare lavatrici.” In maniera molto diretta la Maier smonta quindi il binomio bambino uguale felicità.

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: