Nella vita tutto torna, sia nel bene che nel male. Il terzo principio della dinamica

Condividi:
Advertisement

Quante volte vi sarà capitato di dire o di sentire anche solo pronunciare testuali parole “ad ogni azione corrisponde una reazione”.

O di sentirvi dire che “il mondo o la ruota girano”.

O ancora, che le cose buone attraggono quelle buone e che le cose cattive attraggono quelle cattive.

Bene, sappiate che questi non sono dei semplici luoghi comuni, detti così, senza alcun fondamento.

Quanto appena detto sembra essere la chiara spiegazione di quanto viene esposto dal terzo principio della dinamica.

Il principio di “Azione e Reazione” appunto , di Newton.

Una legge universale questa, valida per tutti, indipendentemente dalla nostra religione o dal nostro credo.

Advertisement

Avete presente quando trovate un portafoglio per strada, magari pieno di soldi?
Che succede solitamente in questi casi?

Il portafoglio torna al proprietario? Non sempre.

Anzi se qualcuno lo restituisce, finisce per essere considerato addirittura uno sciocco.

Sentiamo infatti dire spesso frasi del tipo: “Se perdi il tuo, nessuno te lo restituirà”, “Tutti rubano e tutti fanno bene a farlo, sono intelligenti”.

Ma quanto c’è di vero in queste frasi?

Poco o niente, poiché non è vero che tutti rubano o che “chi ruba è più intelligente o furbo” rispetto a chi non lo fa.

Chi ruba o chi fa qualcosa che va “contro” ad un altro individuo, al contrario, perde di vista una cosa importante, ovvero che nella vita tutto torna indietro.
E anche doppio.

Quindi non “usate” mai le persone: trattatele come un fine e mai come un mezzo.

La seconda massima di Kant può essere riassunta proprio in queste parole.

Ma a prescindere da dove derivi tale concetto, ciò che conta è che voi riusciate a stare bene con voi stessi e con gli altri, poiché solo così potrete ritrovare la pace della vostra mente.

Nessun uomo è un’isola. Ricordiamocelo spesso.

Come non dobbiamo mai dimenticare, amici miei, che la vita restituisce sempre tutto, fino all’ultimo centesimo.

Questo non significa però, che saremo sempre ” ricompensati” per le nostre buone azioni.

Anzi, se pensate questo, forse è il caso che cambiate il vostro modo di pensare.

Provate a maturare una nuova prospettiva, una nuova consapevolezza in cui non ci siano obiettivi futuri o compromessi in amore.

Amate si, ma senza alcun compromesso.

Amate anche i vostri nemici. C’è così poco amore in giro.

Cerchiamo quindi di seminare del bene e di fare delle buone azioni, anche se a volte c’è poca tolleranza.

Anche se non avremo nulla in cambio.

E anche se ci capiterà di dover pagare gli errori degli altri, mettiamo l’amore al primo posto, sempre.

Dopotutto, siamo una grande comunità.

Siamo un insieme di persone su un piccolo pianeta blu.

Diamoci più amore allora: smettiamo “di farci male “ e mettiamo da parte l’invidia e l’odio. Per avere più pace nei nostri cuori.